Argentina Pavillion

Argentina Pavillion

Il padiglione Argentina è stato probabilmente l’ultimo ad essere confermato: i lavori di scavo di una struttura estesa su circa 2000 mq sono iniziati verso fine febbraio.

Il progetto della paesaggista argentina Maria Fernanda Sosa rappresenta una serie di sili interconnessi che conformano visualmente sulla pavimentazione l’idea di un sistema di ingranaggi metallici.
La prima release del progetto prevedeva un improbabile impiego di autobloccanti colorati che avrebbero dovuto rappresentare questa difficilissima grafica.
L’impresa BELTRAMI SPA, aggiudicataria dell’appalto ha richiesto una soluzione alternativa su asfalto, riconoscendo IMPREXA come lo specialista indiscusso di pavimentazioni colorate. La proposta è stata quella di realizzare degli anelli variopinti “marcandone” fisicamente la circonferenza con un profilo di termoplastico grigio incassato nel’asfalto.
Il risultato è un movimento di cerchi ed anelli in 6 diversi RAL che si incastrano l’uno nell’altro, tagliati da una linea di bandiera argentina biancoceleste che taglia gradevolmente ed in modo simbolico tutto il padiglione.
Per la resinatura si è utilizzato AsphaltCoat Traffic HB 136 di IMPREXA prodotto da Mapei.
Sulla pavimentazione finita, si è poi applicato un bicomponente poliuretanico espressamente studiato per AC Traffic da MAPEI stessa, che ha reso la superfice non assorbente e facilmente lavabile: il padiglione argentino riceve quotidianamente la visita di oltre 10 mila persone al giorno, e la superficie a distanza di 2 mesi dall’apertura è ancora perfettamente pulita e variopinta.
Indubbiamente una delle pavimentazioni più belle e particolari di EXPO2015. Un altro successo di IMPREXA.